Non ci abbandonate… mai!

VACANZE-ESTIVE

Ogni tanto, ma soprattutto adesso che si avvicinano le vacanze estive, penso a quanto sono fortunata.
La mia umana mi tiene con sè, anche nel caldo afoso del nostro appartamentino, piuttosto che mollarmi da qualche parte, fosse anche nella casa più grande e più fresca dei suoi genitori.
La mia umana si fa 1000 e 1000 paranoie esagerate ad abbandonarmi per qualche giorno per andare in vacanza, ma se anche ci andasse, mi lascerebbe dai “nonni”, a farmi viziare e coccolare, o mi metterebbe in una bella pensione per gatti dove posso giocare e correre, anche se in una gabbia, e aspettarla con qualcuno che si occupa di me.
No, in effetti in una pensione non mi metterebbe mai se non essendoci proprio proprio costretta.

ma mai, mai, mai la mia umana mi abbandonerebbe come un giocattolo vecchio, sul ciglio della strada, perchè ha di meglio da fare.

Sono io il meglio da fare che ha, e quasi quasi ne sono fiera.

Ma il mio pensiero va sempre ai tani mici meno fortunati di me, a quelli che ancora sono in gattile, a quelli che forse non ne usciranno mai più, a quelli che sognano che i loro padroncini tornino a prenderli, o che vengano a portarli presto con sè sul Ponte dell’Arcobaleno. A quelli che si struggono di nostalgia e a quelli che perdono l’appetito, a quelli che non sanno cosa sia la vita in una casina tutta per sè, con una cuccia calda e il cibo nella ciotola, e i grattini del tuo umano sulla testa. E penso, penso ai mici che non ci sono più, vittime dell’indifferenza e della stupidaggine di certa gente.
Ci penso e non posso fare altro che pregare perchè siano felici, dovunque siano, o perchè lo diventino presto, prestissimo.

Annunci

  1. Due goccioline salate sono cadute dagli occhi dell’umana e due dolci pensieri a quei mici sono partiti dalle orecchie delle due feline e sono finiti alla punta della coda come un brivido d’aiuto a tutti i mici del mondo.
    Vorremmo ribloggare questo articolo perchè tanti altri dolci pensieri volino fino a quei gatti…

    • Siete degli angeli e io e l’umana ne saremmo fiere.
      Ci sono giorni che quando pensiamo a quelle povere animucce ci sentiamo come quel tizio della favola che cerca di sbarrare tutti i fiumi del mondo con il legno di un piccolo sgabello.. 😦

  2. L’ha ribloggato su seigattipotesseroparlaree ha commentato:
    Queste sono le parole di NonnaSo, l’autrice deldolcissimo e importante articolo, su questo fatto: “Ci sono giorni che quando pensiamo a quelle povere animucce ci sentiamo come quel tizio della favola che cerca di sbarrare tutti i fiumi del mondo con il legno di un piccolo sgabello..” ed è proprio vero, è così che ci si sente quando si vorrebbe fare qualcosa e subito, ma da soli non si può fare niente ma in tanti un modo si troverà…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...