Come costruire un gioco per il vostro gatto a costo zero -parte 2

HO UN GIOCHINO NUOVO!

Ho un giochino nuovo e non posso parlarvene perché devo andare, a giocare con il mio giochino nuovo! Che è tanto bello e mi piace, e suona ed è morbido, e dentro c’è qualcosa che crocca e io devo scoprire che cos’è…. sono molto impegnata questa mattina. Moltissimo.

20131003-114713.jpg

L’umana me l’ha dato ieri, dopo aver trafficato un po’ con gli aggeggi che tiene in quella scatola posata in alto, dove io vorrei andare a controllare perché ogni volta che la apre ne escono meraviglie: nastri e fili colorati, bottoni e perline e cose che rotolano e cose che suonano… ma lei la chiude sempre e la mette in alto dove io non posso arrivare (uffa).

Ieri sera però alla fine mi ha dato quello che stava facendo, che lì per lì mi ha lasciata un po’ perplessa… una cosa a forma di non si capisce bene cosa… cioè, già che c’era poteva dargli la forma di qualcosa, ecco. Non so nemmeno bene io cosa ma… va beh, insomma, il mio nuovo giochino ha una forma un po’ così, è rosa di un rosa che mi piace molto (somiglia tanto ai suoi calzini rosa che mi piacevano tanto, quelli con i coniglietti e fatti in quel materiale morbido morbido che lei chiama ciniglia – un nome che a me mi fa miagolare dal ridere), e c’è attaccato un campanello!

20131003-114637.jpg

E dentro, dentro è imbottito con della carta morbida (l’ho visto che ce la infilava!) e di quella carta che a me piace tanto, quella che si stropiccia e fa rumore e dove di solito l’umana conserva quelle fantastiche focaccine che mi piacciono tanto, e la carta – che forse è plastica? – ha i buchini piccolissimi da cui esce l’odore…vado matta per le focaccine, voi no? Va beh ma sto divagando.

L’umana ci ha messo dentro anche quella carta lì, così il mio giochino ha il sonaglino e fa rumore e quando lei lo stropiccia io corro. E salto e ballo, ballo con il mio giochino, e me lo prendo e me lo porto via, dove lei non può riprendermelo e togliermelo.

20131003-114742.jpg

Perché adesso, non dico di amarlo come il tappo della penna, la mia pallina, o gli adorati pacchetti di fazzoletti di carta… però quasi, dai.

E brava l’umana che per una volta si è resa utile!

VAI AL VIDEO DELLA GATTABIGIA CHE GIOCA: QUI

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...