Dove è finita Lagattabigia?

Qualcuno di voi se lo starà chiedendo, e anche a ragione, visto che ormai mi faccio sentire raramente (almeno qui sul mio piccolino, modestissimo, ma molto amato blog… sulla pagina Facebook, invece, ci sono tutti i giorni ^^)

Ebbene, la primavera è piano piano scivolata in estate, un paio di volte almeno (prima di cedere il passo all’autunno, sembra) da queste parti: piogge torrenziali, settimane di caldo afoso alternate  ad albe e giornate di pioggia novembrina, coperrtine in e out dall’armadio, ventilatore si ventilatore no, asciugamanino bagnato a terra che viene abitato a targhe alterne ed a seconda della temperatura…

gattabigia-10lug14-5

gattabigia-11lug14-2

gattabigia-11lug14-8

Se lo chiedete alla mia umana, molto probabilmente vi risponderà che la vostra beniamina (cioè io, Lagattabigia) si alterna placidamente fra il suddetto asciugamano bagnato (residente stabile del pavimento fra il bagno e il mini-corridoio), la mia amata scatola ormai quasi a pezzi, e il mio adorato tubozzo.

gattabigia-10lug14-4

gattabigia-10lug14-2

gattabigia-21lug14-3

Anzi i MIEI tubozzi.

gattabigia-13lug14-5

Sulla cresta dei quali molto probabilmente a breve mi vedrete conquistare il mondo, si si…

gattabigia-22lug-14-in tube

gattabigia-22lug-14-on tunnel

Alle volte tento qualche sortita verso la finestra, nel vano tentativo di sfondare la rete protettiva ed avventarmi finalmente a scuoiare qualche piccione molesto (ci stanno facendo diventare matte, quei maledetti, che hanno fatto il nido nel nostro sottotetto e si permettono di passeggiarci davanti come se fosse casa loro!)

gattabigia-20lug14

gattabigia-21lug14-1

Oppure me ne resto placidamente sdraiata come una Venere sul primo scalino sotto la finestra, dove nei giorni di buona si riesce a farsi accarezzare il pelo da una dolce ariettina…(che quando c’è il mercato in piazza mi porta anche gli aromi di pesciolini e polletto fritto che tanto mi piacciono, gnamme!!)

gattabigia-16luglio2014-2

gattabigia-11lug14-7

Eh, che ci volete fare… è dura la vita da gatti

gattabigia-13lug14-3

 

Annunci

Tunnel per gatti fai da te..con 5€!

La mia umana proprio non ci sta dentro. Certe idee se le sogna di notte.

Stanca di me che mi agito e ormai ho ridotto a brandelli la mia borsa di plastica preferita (a cui abbiamo fatto un grosso buco perchè mi ci potessi infilare come in un tunnel per farle gli agguati – non vista) si è messa in testa di comprarmi uno di quei tunnel per gatti… uno di quelli che vede tanto apprezzare dagli ALTRI gatti.

Tze. come se io fossi una gatta comune.

Che poi, l’umana vuole anche risparmiare, e quindi è andata all’Ikea e con 5€ ha comprato sto coso rosa, lungo, e poi si è messa a lavorarci su.

cat-toy-homemade-tunnel

Non vi dico il casino: prima ha misurato, poi ha tolto tutti i fondi e le separazioni fra un pezzo del tunnel e l’altro, poi ha cucito un filo di ferro morbido lungo tutta la lunghezza (perchè figuriamoci, mica stava dritto quel coso e io non mi ci potevo infilare!).

cat-toy-homemade-tunnel

Poi ha visto che ci mettevo 10 secondi netti a piegarlo anche con il filo di ferro e tutto.. e allora ha inserito due bastoni, di quelli che si usano per le orchidee, avete presente?

Tutta roba che aveva in casa eh, costo zero.. alla fine ci è riuscita, però. Ho avuto il mio tunnel.

E sapete cosa vi dico?

cat-toy-homemade-tunnel

cat-toy-homemade-tunnel

cat-toy-homemade-tunnel

Mica brutta come cuccia…no no. Mi ci ha pure appeso il mio coso con le frange preferito… E a me piace tanto starmene qui bella sdraiata, ad osservare il mondo da fuori attraverso la mia rete fucsia.

sono invisibile, sapete, quando sono li dentro… nessuno mi vede!

cat-toy-homemade-tunnel

Proprio nessuno!

I 10 segnali che indicano la presenza di un gatto in casa

Un gatto (o una gatta) un po’ pestifero, direbbe la mia umana… ma io e voi la storia la conosciamo in un’altra maniera, non è vero?
Noi sappiamo che qualsiasi casa senza gatto è una casa ben triste.. poco allegra… non adeguatamente sorvegliata o..utilizzata. Si.

gatto-di-casa

Del resto, noi gatti portiamo gioia e siamo molto decorativi, spaparanzati qua e là per casa, no?

sleeping-cat

E dunque, proprio per riconoscere queste case felici, benedette dalla presenza di un gatto, e dove sarà una gioia entrare (ve lo dico io), ecco i 10 segnali che indicano la presenza di un gatto in casa:

1. Beh, il primo inconfondibile segno è chiaramente quello dell’arredamento “a misura di gatto“: gattaiole, reti alle finestre, tiragraffi, ciotole sparse qua e là, la nostra cassettina della privacy… ma anche cuscini amache e attrezzi vari appesi in giro per casa alle più strane altezze.

Potete misurare l’amore che un padrone porta al proprio gatto da queste cose, sapete?

casaa-per-gatti

Cioè, voi non ci vivreste in un posto così? io e la mia umana si…

2. Le scatole. Vedete una strana scatola abbandonata in giro per casa?

Sciocchi. La scatola non è affatto abbandonata. E’ una trappola per gatti e state attenti: in quella casa abita un gatto molto furbo se ancora non riuscite a localizzarlo nelle vicinanze della scatole.

gatto-scatola

anche se io vorrei che l'umana m'avesse trovato questa...

anche se io vorrei che l’umana m’avesse trovato questa…

Guardatevi le spalle.

gatto-mannaro

3. Sabbietta sparsa in giro dappertutto che ti sembra di stare in spiaggia (e, se chiudi gli occhi, quasi quasi puoi sentire il rumore del mare… sopra a quello delle fusa o del dolce ronfare soddisfatto del tuo peloso combinaguai)

4. Giocattoli sparsi ovunque, ma proprio OVUNQUE. Soprattutto in luoghi irraggiungibili tipo il sotto dei mobili, del frigo, o della lavatrice. Ma sono messi lì per una ragione, sciocchi umani: per tenerli AL SICURO, ve l’ho già detto.

Quindi, lì restano.

gattabigia-giochi

5. Pelo. Pelo dappertutto. Spazzole per il pelo disseminate in pochi metri quadri, palle di pelo che rotolano tipo gli arbusti nel deserto nei film western.

Palle di pelo che prendono residenza in casa vostra e fareste meglio ad abituarvici: dategli un nome, coccolatele, tengono compagnia anche loro.

pelo-gatto

6. Porte sempre aperte. Il gatto deve andare dappertutto. Anche in bagno con voi, se necessario.

Ed è SEMPRE necessario.

Kitten

7. Quel vago sentore di ..crocchini, che riempie l’aria. Ah, che casa felice è quella che quando entri senti il profumo del tono appena de-scatolettato! Gnam!

gatto-nella-busta-di-carta

8. Il rumore inconfondibile dell’acqua che gocciola, e i lavandini sempre occupati.

Noi gatti si sa, siamo molto puliti…

gatto_01

9. Curiosa assenza di mollette per stendere i panni, curiosa presenza di panni raggrumati sotto lo stendino, o pericolosamente appesi. Misteriose sparizioni di soprammobili, peluche, del contenuto della borsa degli umani, e di qualsiasi altro gingillo che attiri l’attenzione del peloso.

Se lo chiedete al gatto di casa, non ha la più pallida idea di cosa sia accaduto.

La forza di gravità, forse.

gatto-panni-stesi

10. Curiosa assenza di piante VIVE (o sopravvissute) in casa. Tutte quelle a portata di occhio sono finte.

curioso, davvero.

gatto_vaso

Insomma, laddove non adeguatamente segnalato,

targhetta-cane-gatto

avete solo da aguzzare l’occhio per scoprire (si, proprio come nel gioco della settimana enigmistica) le semplici tracce della presenza di un fortunato gatto di casa.

E la vostra casa, quanti di questi segnali “espone”??? ahahah la mia tutti e anche qualcuno in più… giusto per essere sicuri!

Sta arrivando, sta arrivando… Gatto Natale?!

Seriamente, gente… la mia umana è un po’ pazza.

Continua ad aggirarsi per casa canticchiando canzoni ridicole, piene di trilli e campanelli (che disturbano il mio sonno e richiamano inutilmente la mia attenzione – inutilmente visto che poi di campanelli veri neanche l’ombra). Non dovrei dirvelo, ma sculetta anche ballando, una cosa da vergognarsi al pensiero che la gente del condominio davanti possa vederla e capire che è la mia umana.

E continua a ripetermi che devo essere una micina buona, perché sennò Gatto Natale non mi porta neanche un regalo.

christmas-cats

Voglio dire: ma chi è sto Gatto Natale, chi l’ha mai conosciuto?

gatti-di-natale

Non sarà mica quello strano gatto un po’ suonato, che se ne va in giro con i vestitini rossi con i bordi di pelliccia, e guida una slitta trainata da topolini bianchi con il naso rosso, e porta i regali nella notte di Gattale?

Mah… anche l’anno scorso mi hanno detto così, e poi i miei regali li ho avuti lo stesso… andiamo. Secondo me è tutta una storiella per gattini ingenui.

L’unica cosa positiva, è che proprio in onore dell’arrivo di Gatto Natale la mia umana sta dando il meglio di se: ha portato in casa una caterva di cose divertenti con cui giocare (Se solo mi ci lasciasse GIOCARE!!): nastri colorati e fiocchetti, curiosi pupazzetti che sono stati disseminati – per la mia gioia, si! Di notte posso sbizzarrirmi!! – per casa, le lucine che si accendono a intermittenza e che mi piace tanto masticare (quando lei non mi vede) e campanelli, e strani pacchettini e carte che frusciano, e…

gatti-di-natale

gatti-di-natale  gatti-di-natale

Si, mi sto divertendo da matti, non si vede?

gatti-di-natale

E poi c’è anche una cosa strana. Una scatola che non si apre (sigh!) ma da cui esce uno stuzzicante odorino… lasciate che l’umana si distragga, e scoprirò in un lampo cosa si nasconde dentro quello che lei chiama il “Gattendario dell’Avvento“.

calendario-avvento-per-gatti

Dice che è una tradizione di famiglia, e che quest’anno io sono parte della famiglia. E che poi lei è a dieta quindi preferisce fare il Gattendario per me invece che per lei (mah, chissà cosa significa).

calendario-avvento-per-gatti

Ho scoperto che anche la cagnolina di casa ne ha avuto uno (ma il suo si chiama Canendario dell’Avvento)… la prima volta che vado a casa andrò a studiarne le fattezze e, soprattutto, il contenuto. Il mio è molto buono e me lo spazzolo in un secondo… devo trovare il modo di fregarle il suo!!

gatti-alberi-natale

Insomma: i preparativi fervono, le fuffe escono dagli armadi, e io sono un’ottima aiutante di Mamma Natale… o meglio, sono un’ottima aiutante che mette al sicuro gli oggetti preziosi che la Mamma dispone in giro per casa: li nascondo, perché sono preziosi e non voglio che qualcuno venga a portarseli via… e  non capisco perché l’umana fa tutte queste storie.

Sono al sicuro… li proteggo anche da lei!

I gatti sono le migliori decorazioni di Halloween

Questa galleria contiene 26 immagini.

Parola di Gattabigia (che oltre ad essere bigia è una gatta e quindi se non lo sa lei…) Molti di voi saranno persino convinti che solo i gatti neri siano caratteristici di Halloween, poiché la leggenda vuole che fossero i compagni preferiti dalle streghe…e inveceno ! ahahah alcune leggende citano i gatti bigi, ovvero i … Continua a leggere

Umana, stai battendo la fiacca

gattabigia-ti-tengo-docchio

Anche l’umana sembra risentire di questo caldo afoso che non ci vuole mollare.
mentre io pascolo bellamente per l’appartamento, lasciandomi andare in ogni angolo a qualche leggera dormita (i miei preferiti: la scala di ferro, le piastrelle della doccia), anche l’umana batte la fiacca.

e invece di cambiarmi l’asciugamano umido che mi fa da copertina (a volte, quando me la mette addosso a tradimento) se ne sta lì a farmi le sue sciocche foto.

tenere-fresco-gatto
e io schiatto di caldo.

ma si può??

State attenti a cosa mangia il vostro gatto

gatto-con-gomitolo

Ma stai a vedere che l’umana, che io ritenevo quasi solo utile per aprire le scatolette di tonno e pulire la lettiera una volta l giorno, mi ha pure salvato la vita.

Inconsapevolmente, fra l’altro.

E non sto parlando del destino di solitudine, e magari abbandono, che forse avrei patito in casa di chissà chi, o come quarto o quinto gatto di casa se fossi rimasta con la mamma e i miei fratellini, no. Non sto parlando dell’atto di profonda generosità e disinteresse (come lo chiama lei) per cui mi ha adottata e dato una nuova casa, di cui sono principessa.

Sto parlando di quel giorno che è scesa a buttare la spazzatura e io ho approfittato di quei pochi attimi di distrazione per ingoiarmi un metro e mezzo di filo di plastica dei sacchetti della pattumiera. CE li avete presenti?

Quelli con cui noi gatti ce l’abbiamo su a morte, e con cui ci divertiamo come pazzi a giocare. E che, manco a dirlo, se troviamo per caso incustoditi, perché scivolati fuori dal campo radar degli umani, magari staccatisi dal sacchetto dell’immondizia mentre escono di casa, ci ingoiamo con gran gusto. Come se fossero filetti di pesce.

Ecco, quegli apparentemente innocui fili di plastica sono delle trappole mortali che non ci lasciano scampo. Parola di veterinario.

micio-con-gomitoli-di-lana

Ieri infatti l’umana è andata da delle amiche, che casualmente le hanno raccontato questa cosa, dicendole di stare attenta a che io non mi metta a mangiare fili troppo lunghi, spaghi, nastri di plastica o cose simili perché quei giochi così divertenti, maledetti, finiscono per attorcigliarsi al nostro stomaco, che è molto delicato e sensibile, facendoci morire di fame e peritonite, fra i dolori più atroci.

Sarà vero o saranno leggende metropolitane (come quelle della fatina delle crocchette, che ti porta le crocchette quando ti cadono i dentini da latte o i baffi), ma sta di fatto che quando è tornata a casa ieri l’umana era fuori di testa: pallida e spaventati sima, ha fato sparire tutti i fili dai sacchetti di plastica, anche quelli che ancora deve usare, e mi ha fatto una ramanzina che non ne potevo più.

A vederla così terrorizzata al pensiero di quello che avrebbe potuto succedermi (se con prontezza quel giorno non avesse afferrato gli ultimi 5 centimetri che mi stavo pappando e non avesse tirato fuori – tipo prestigiatore con i fazzoletti colorati- il restante metro e mezzo di filo di plastica!) quasi quasi mi viene tenerezza per questa mia umana che mi vuole così bene.

Ho detto QUASI.

In ogni caso, umani, assicuratevi di non lasciare in giro “incustoditi” quei succulenti fili nastri e spaghi…  e voi, a-mici che mi leggete, cercate di resistere ala tentazione, e piuttosto sfogatevi sgraffignando le mani del vostro umano preferito, o mangiucchiando le loro dita, o i loro oggetti preferiti, ma STATE LONTANI DAI NASTRI DI PLASTICA e  DALLO SPAGO!!

gatto

Buona Pasqua da Lagattabigia!

Gli umani io non li comprendo… e questo ormai pare chiaro.
Cos’è tutta questa fissa per le uova colorate, quelle di cioccolato, quelle enormi uova di cioccolato che rotolano per casa, con quelle belle carte colorate…

Così pacchiane, suvvia!

E i conigli, i pulcini
Hm..
Cioccolato.

Conigli.
Pulcini.

Che odorano così di uono, ma così di buono che… quasi quasi..
… li mangerei?!

happy-easter-eggs-gattabigia

Hm.. questi umani: non sembra, ma sono furbi…..

Incomprensibilità da umani

La mia umana a volte fa delle cose piuttosto strane, che io proprio non capisco, nemmeno se sto dei minuti interi a pensarci.
Nel locale che chiama “bagno“, ad esempio… Ci passa delle ore.
Sta nel parco giochi (che lei chiama “doccia“) per dei quarti d’ora interi, lasciandomi fuori ad aspettare (perché io sono educata e aspetto, la coda ben arrotolata lo sguardo fermo) che abbia finito i suoi comodi.
Eppure sa che mi piace entrare a bagnarmi le Zampette, ad ispezionare lo strato d’acqua residua…
Ma lei niente, alla fine asciuga pure tutto. Per farmi dispetto, ne sono sicura.

E al mio abbeveratoio personale? Passa le ore.. A spalmarsi robe dal l’odore disgustoso o a lavarsi o a fare mille altre cose guardandosi in quello specchio.. Ma a fare dico io?
Si lava e rilava e rilava con l’acqua (non la beve neanche! mi vengono i brividi solo a pensarci.. tutta quell’acqua, acqua dappertutto…) si immerge nell’acqua mille e mille volte.. Ma non lo sanno gli umani che basta una passata fatta bene con le zampone bagnate, o una leccatina di bellezza, per sistemare tutto?
Voglio dire, basta guardare me.. Che nel pelo folto e lucido.. E non passo tutte quelle ore all’abbeveratoio! (Che lei chiama “lavandino“) Ogni tanto mi ci ficco sotto, ma per il puro scopo e intento di capire da dove accidenti arriva tutta quell’acqua!

Però lo devo ammettere… a volte non è mica csì male lasciarsi scorrere un filo d’acqua, giusto un filo, sui lati del musetto e magari un pò fra le orecchie… è una sensazione di goduria proibita, come se stessi facendo qualcosa di strano ma piacevole… oddio. Non starò mica diventando sciocca come l’umana!!??

E gli asciugamani e i tappeti? Pensiamo agli asciugamani e ai tappeti, belli fragranti e caldi… Proprio sul più bello che hanno preso il mio odore a furia di sdraiarmici, lei li cambia e li lava!
E io devo ricominciare daccapo.

Come dice la mia umana: Robb de matt..

È dura, credetemi, la vita in questa casa, con un’umana stramba, che non mi capisce….

20130328-114209.jpg

Debolezze di una gatta

Noi gatti siamo un pò tontoloni a volte, che dobbiamo farci.

Ma voi ci amate così, no? Esattamente come siamo.

Tontoloni, facili da distrarre, e anche facili da attrarre.

Che passiamo ore e ore e ore con il nasino all’insù, a guardare fuori dalla finestra, quando succede qualcosa di insolito.

Tipo dei grossi fiocchi bianchi di roba (??) che scendono dal cielo con quella ipnotica danza che hmmmm quanto ci viene voglia di corrergli dietro (Anche se fa un freddo da arricciare i baffi).

Che ci possiamo fare?

Siamo gatti 🙂

gattabigia_at window