L’umana vorrebbe sapere…

La mia umana vorrebbe sapere dove si trova il mio pulsante di spegnimento.
O almeno quello di “postponi con una certa efficacia”.
Si perché vedete ormai la sveglia, quella vera, non se la punta nemmeno più. Ci sono io, che le faccio risparmiare lo sforzo.
E sono che brava.
Faccio delle piccole prove random durante la notte, se per caso mi immagino che ci sia qualche mosca che vola in giro per la stanza, e quando viene il tempo, spacco il minuto.
Lei dice che non spacco solo quello, il minuto, ma io penso che sia solo invidia perché sono molto brava.
Altrimenti ciao, questa umana se ne starebbe a letto a dormire per ooore intere.
E invece noi sappiamo che siamo solo noi gatti a poterlo fare. Dormire ore intere.
Cosa c’è da arrabbiarsi che le faccio pure la cortesia di svegliarla e mi assicuro che si alzi, si lavi, mi prepari la colazione, prima che io possa tornare a sdraiarmi in pace sul letto finalmente libero, e godermi il mio meritato sonnellino!
La mia umana si chiede anche come si faccia ad impostarmi una suoneria diversa. Infatti lei vorrebbe che la svegliassi con un “miao”, o magari una leccatina, ma io niente. Le faccio quel versetto che è molto più da sveglia. Quel “RRR!” Anche un po scocciato che, palesemente, vuol dire “pigrona, ti alzo o no??!”
E lei si alza, bofonchiando “ma guarda te se mi devo far comandare dal gatto”. Dice che a nessun cristiano ha mai permesso di rovinarle il sonno, e invece a me..
Ma io dico, se funziona, che ti alzi subito, perché dovrei cambiare ??
Insomma l’avete capito: vivo con una lagna.
Che insiste perché vi chieda se sapete dove può trovare il mio pulsante di spegnimento… Ditele qualcosa voi, io non ce la faccio..
E’ la mia ora del pisolo e torno a dormire.
Ciao tutti!!!!

20140705-093649-34609801.jpg

20140705-093650-34610702.jpg

20140705-093651-34611492.jpg

20140705-093652-34612948.jpg

20140705-093652-34612322.jpg

Metti una sera con un filo di arietta..

Questa galleria contiene 11 immagini.

….e lagattabigia che si mette sul suo tiragraffi a guardare fuori da quello spiraglio di finestra che l’umana, preoccupata che salti sul tetto e scappi via per non tornare più, le lascia aperto ogni tanto, sotto attenta osservazione… che cosa può succedere alla Gattabigia, se non di assumere pose da vera gatta fashion e bellissima… … Continua a leggere

i sondaggi della Gattabigia: quale sarà il posto più comodo per dormire?

gatti-che-dormono

Eccoci con il primo sondaggio della Gattabigia, mi raccomando consultate i vostri amici pelosetti, prima di rispondere! Infatte le vostre opinioni di umani, come ben sapete… non contano difronte alle NOSTRE scelte!!

Routine

Abbiamo una routine la mia umana e io.

A giorni a giorni si è costruita, ed ora è come una specie di danza.
O almeno: lo è fino a quando io non la faccio inciampare capitando le fra i piedi (ma è così divertente quando riesco a farla incespicare ..che non so resistere!)

20130507-183815.jpg

In ogni caso… vi stavo parlando della nostra routine. Di quella specie di danza che facciamo dalla mattina alla sera, da quando lei si sveglia (e io sono già attiva da ore – ORE! Non riuscirò mai a capire cosa ci trovi a dormire fino alle 9 della mattina… è molto meglio alzarsi presto e poi dormire per il resto della giornata! Invece di sprecare le ore migliori in stupide attività da umani… bah), a quando andiamo a nanna.

E’ una routine ben consolidata perchè, si sa, a noi gatti non piace cambiare le cose. E la mia umana mi scombussola già abbastanza quando mi impacchetta nel mio trasportino e mi porta nell’altra casa, o mi riporta qui, nella nostra casina. In ogni caso, io tento di mantenere le mie abitudini, e quindi, faccio stare in riga anche lei.

L’agenda della nostra giornata, infatti, si può riassumere in pochi, ma pregnanti momenti:

ore 7.00 mi sveglio – faccio colazione con i pochi croccantini che mi sono lasciata durante gli spuntini notturni, uso la cassettina facendo più rumore di scavo possibile (non si sa mai che l’umana decida di alzarsi e darmi da mangiare seriamente, e poi gioco per circa 15 minuti – stesso intento, di svegliarla, ma lei niente -)

Ore 7.15 salto sul letto dell’umana – gioco per altri 10 minuti fino a che la stanchezza non mi prende, e mi riaddormento. La maledetta ormai ha imparato e non mi fila di pezza fino a che non mi rimetto giù buona. Insistere è inutile.

Ore 8.30 mi sveglio dinuovo – l’umana si gira nel letto, vado a controllare che sia sveglia. Non mi fila.

ore 8.35 alle ore 8.50 – controllo con candenza 5minutale che l’umana si svegli

ore 8.51 inizio a miagolare intensamente – dopotutto l’umana mi paga in croccantini per non dover accendere più la sveglia, la mattina. Un bel risparmio, lasciatelo dire a me

Ore 9.00 salto a piè pari sullo stomaco dell’umana – facile da indovinare sotto le coperte. Ho una mira infallibile. FINALMENTE si alza.

Ore 9.10 l’umana esce dal bagno – dopo avermi abbeverata al lavandino apre le finestre

Ore 9.30 l’umana finisce di fare colazione – insiste per spazzolarmi, darmi la medicina per le palle di pelo che mi hanno fatta stare tanto male, poi mi premia con la colazione. Ultimamente la qualità delle scatolette èmigliorata. Lo sapevo che il digiuno di protesta avrebbe funzionato.

Ore 9.50 l’umana si mette a lavorare e anche io: turno di vedetta alla finestra contro piccioni e mosche. E’ un lavoro duro ma qualcuno deve farlo.

La mattinata passa così, mentre ogni tanto vado a interrompere quello che fa l’umana, le mordicchio le mani o le salto sulla tastiera del computer, giusto per ricordarle che lei non esiste per altro motivo se non per far divertire me, o per darmi da mangiare.

Nel pomeriggio la lascio in pace: il richiamo dei vari angolini della casa in cui fare un pisolino è irresistibile, e io non voglio che l’umana scopra un’abitudine nella rotazione casuale che scelgo fra cassetta-letto-cuccia-tappeto del bagno-sedia.

Verso le 19.00 l’umana prepara la cena – è il momento ideale per cominciare a correre pazzamente per la casa, dietro ai miei giochini o fingendo degli agguati clamorosi alle sue caviglie. Lei è assorta nelle sue faccende e non mi corre dietro con l’aspirapolvere, il che è un bene.

Ore 20.30 circa terminate le faccende l’umana si sdraia, alla ricerca di pace e riposo… ed è in quel momento che mi sveglio del tutto, combinando più disastri possibili, arotazione fra: utilizzare la cassetta con gran fragore e spargendo cristalli dappertutto, mangiucchiare le sue piante, saltare ossessivamente per cercare di graffiare via le foto dal muro (mi urtano le foto sul muro!), raggrumare tutti i tappeti mentre do la caccia a qualche ratto immaginario o alle mie adorate palline di carta, tirare fuori la carta dalla raccolta differenziata e spargerla per casa, prendere le matite dal portamatite e spargerle per casa e sotto i mobili (così poi lei fa fatica a recuperarle), sollevare il tappo dai lavandni… cose di ordinaria amministrazione felina.

Ore 21.30 la stanchezza mi vince, dormo – la maledetta prende la sua rivincita svegliandomi con coccole e carezzine, non gradite. Io scappo.

Ore 23.00 mi sembra anche ora che la pianti di tenere le luci accese e si metta a dormire, come faccio io. Miagolo disperata fino a che non spegne. Lei spegne. Andiamo finalmente a dormire

Ore 23.15 ma prima, proprio al punto in cui il sonno la vince… io devo usare la cassetta, rilasciando l’arma chimica finale. Che la costringe ad alzarsi dinuovo, scendere, pulire tutto (perchè lo sa che amo la sabbia pulita e non sopporto i cattivi odori!), e tornare a letto.

Ho pietà, la lascio dormire. A volte mi accoccolo ai suoi piedi, sulla mia copertina.

Ore 3.00 la sua vendetta è atroce – l’umana si alza per andare in bagno, mi sveglia. Ma a me piace perchè poi mi fa le coccoline per quarti d’ora interi, anche sulla pancia.

Ore 3.30 torniamo a dormire. Ed è pace fino al mattino.

L’umana dice che è l’amore. L’amore che è fatto di abitudini in comune.

Io… non so.

Quando la gatta è malata

La mamma dice che sono ammalata.

Ecco perchè è da qualche giorno che non salgo con lei a dormire la notte, e me ne sto sempre rintanata nella mia cuccetta a dormire, e non ho voglia di fare proprio niente niente quasi nemmeno mangiare.

Se solo non avessi tutta questa fame!

Ho sempre fame, sempre fame, non faccio in tempo a vedere la mia ciotola piena che mi ci sono già buttata a mangiare. Ma questa fame non si placa mai e la mia umana continua a darmi da mangiare – e non si lamenta mai anche se le pappe costano tanto, lei ne tiene sempre in casa tante e non me ne fa mancare mai (stai a vedere che mi sono pure trovata un’umana carina?)-.

E l’altra sera a un certo punto, la mia umana ha fatto la terribile scoperta (e perdonate se ve ne parlo così in franchezza): dei terribili vermetti bianchi, grandi come chicchi di riso, che si muovevano nelle mie ..ehm.. evacuazioni.

Lei era disperata. A me non sembravano granchè.

Il veterinario l’aveva detto quando ero più piccina, che era possibile che avessi i vermi, ma abbiamo fatto il controllo e sembrava tutto a posto… e invece sembra che fossero in incubazione, e che mi siano usciti ora. Una bella fregatura.

Anche perchè la mia umana non sa più cosa fare: cme una furia si è data da fare per ripulire disinfettare disinfestare e sterilizzare l’intera casa in una giornata, e poi è passata al contrattacco con me.

Mi ha fatto ingoiare una pastiglia schifosissima che dovrebbe aiutarmi a mandare via il verme.. ma che la sta facendo diventare isterica perchè ancora non se ne vedono gli effetti.

Poveraccia, quasi quasi mi sembra che ci tenga davvero a me.

Per questo quando mi si avvicina e io la guardo un pò così, assonnata, intontita, stanca e anche un pochino triste, e lei mi fa una carezza altrettanto triste, io la lascio fare e anzi le appoggio la testa contro la mano. Per dirle di non preccuparsi, che starò presto dinuovo bene.

E tornerò a farle i disastri che le facevo prima.

E magari lei continuerà a non arrabbiarsi. Come faceva prima.

20130306-113355.jpg