Un salutino… dalla vostra bigia

Ciao a-mici mici (e non), come state?

In questi giorni mi è saltata una pulce all’orecchio (no, non una di quelle vere per fortuna altrimenti avrei fatto impazzire la mamy a correrle dietro – alla pulce- per tutta casa!!) ma una di quelle metaforiche: è da una VITA che non vi scrivo, sono veramente inqualificabile!

Il trantran di tutti i giorni mi assorbe, capite, mi perdo via… fra un pisolino e l’altro..

Non è che non mi ricordo di voi, o non mi mancate, ma non trovo mai veramente 5 minuti per rubare il pc alla mamy e passare a salutarvi!

O c’è la ciotola dei croccantini che mi chiama per quello sporadico pasto (con questo caldo, non ho fatto altro che dormine e la mamy mi sta già stressando perchè sono magra e si vedono le costole e non degno le pappe di una seconda occhiata! che pizza……. hm, forse se la mamy la capisse e mi mettesse davvero la PIZZA nella ciotola gradirei di più! non è che potete intercedere per me?)

O c’è un temporale estivo alla finesta che mi costringe a…ehm… lunghe ed accurate ispezioni del ripiano inferiore del mobiletto del bagno

Oppure facciamo una gita fuoriporta e andiamo in campagna dai nonni…

Oppure ci sono quei maledetti piccioni da puntare, e cercare di acchiappare, fuori dalla mia finestra…

insomma, è proprio gravata di appuntamenti la mia vita da micetta di casa, sapete?

Ma ora eccomi qui, passata per un salutino, e dirvi che mi mancate… e mandarvi tanti baci e sleccatine!

Ciao, a- mici fate i bravi come me eh! 😀

gattabigia-gatti-alla-finestra

Annunci

Muffin combinaguai ..è tornata, più dispettosa che mai!

Lo so, lo so, è da tanto tanto che non mi faccio sentire!

gattabigia-agosto14-1

Con la scusa che io e l’umana siamo state “in villeggiatura” dai nonni, mi sono persa via in lunghe ronfate e pomeriggi a guardar fuori dalla finestra, e ops. non è che mi sono dimenticata di voi, ma del computer si!

Non ho avuto tempo di raccontarvi le mie ultime novità, o di come la mamy abbia provato a portarmi fuori in giardino con il guinzaglietto, ad esempio.. e di come mi sia piaciuto, fino a che le sedie da giardino mannare mi hanno spaventata così a morte che quasi scappo di casa e mi perdo per sempre…

gattabigia-agosto14-2

E così, essendosi spaventata anche l’umana a morte, le mie capatine guinzagliata in giardino si sono ridotte (complice anche il cattivo tempo, in combutta con quelle orride sedie da giardino mannare)

Ma ora che siamo tornate a casa, e il fantasma delle sedie da giardino è solo un brutto ricordo, ho più tempo per riprendere il filo del discorso con voi, perciò eccomi qui!

gattabigia-agosto14-3

Sempre bellissima e sempre super indaffarata a combinare guai a questa umana (mica che si abitui troppo bene eh!).

L’ultimaa? La sto facendo disperare perchè, memore delle tenere erbette doverosamente usmate durante le mie uscite, mi sono messa in testa che devo mangiare tutte le foglie delle pianticelle che l’umana tiene in casa! Non c’è verso, sono così buone!

Per me hanno la stessa attrattiva che ha il frigo per l’umana, tanto che mi ci ha trovato li a smangiucchiarle all’una di notte, l’altro ieri. Ma proprio non ce la faccio a resistere.. io devo rosicchiarle!

Anche se le ho sempre ignorate, adesso DEVO mangiarle. Devo, è più forte di me.

Anche se lei dice che poi mi fanno star male.

Ha consultato tutti i siti possibili e immaginabili per assicurarsi che lo Spatifillum non sia tossico gattabigia-agosto14-4per me (e non lo è, vedete qui), e tuttavia si è quasi arresa all’idea: le pianticelle fresche spariranno da casa miehehehehe. Per il momento fanno la spola fra il balconcino chiuso (fuori, la notte) e il pensile alto (dove non ci arrivo, ma mi sto ingegnando)

L’umana dal canto suo sta ancora valutando l’idea di mettere su una coltivazione alternativa di erba gatta. Salvo poi che a me non ha mai fatto impazzire neanche quando ce l’avevo, qualche tempo fa.. ma non ve l’ho detto? io VIVO per complicarle la vita, miehehehehehe

 

Dove è finita Lagattabigia?

Qualcuno di voi se lo starà chiedendo, e anche a ragione, visto che ormai mi faccio sentire raramente (almeno qui sul mio piccolino, modestissimo, ma molto amato blog… sulla pagina Facebook, invece, ci sono tutti i giorni ^^)

Ebbene, la primavera è piano piano scivolata in estate, un paio di volte almeno (prima di cedere il passo all’autunno, sembra) da queste parti: piogge torrenziali, settimane di caldo afoso alternate  ad albe e giornate di pioggia novembrina, coperrtine in e out dall’armadio, ventilatore si ventilatore no, asciugamanino bagnato a terra che viene abitato a targhe alterne ed a seconda della temperatura…

gattabigia-10lug14-5

gattabigia-11lug14-2

gattabigia-11lug14-8

Se lo chiedete alla mia umana, molto probabilmente vi risponderà che la vostra beniamina (cioè io, Lagattabigia) si alterna placidamente fra il suddetto asciugamano bagnato (residente stabile del pavimento fra il bagno e il mini-corridoio), la mia amata scatola ormai quasi a pezzi, e il mio adorato tubozzo.

gattabigia-10lug14-4

gattabigia-10lug14-2

gattabigia-21lug14-3

Anzi i MIEI tubozzi.

gattabigia-13lug14-5

Sulla cresta dei quali molto probabilmente a breve mi vedrete conquistare il mondo, si si…

gattabigia-22lug-14-in tube

gattabigia-22lug-14-on tunnel

Alle volte tento qualche sortita verso la finestra, nel vano tentativo di sfondare la rete protettiva ed avventarmi finalmente a scuoiare qualche piccione molesto (ci stanno facendo diventare matte, quei maledetti, che hanno fatto il nido nel nostro sottotetto e si permettono di passeggiarci davanti come se fosse casa loro!)

gattabigia-20lug14

gattabigia-21lug14-1

Oppure me ne resto placidamente sdraiata come una Venere sul primo scalino sotto la finestra, dove nei giorni di buona si riesce a farsi accarezzare il pelo da una dolce ariettina…(che quando c’è il mercato in piazza mi porta anche gli aromi di pesciolini e polletto fritto che tanto mi piacciono, gnamme!!)

gattabigia-16luglio2014-2

gattabigia-11lug14-7

Eh, che ci volete fare… è dura la vita da gatti

gattabigia-13lug14-3

 

L’umana vorrebbe sapere…

La mia umana vorrebbe sapere dove si trova il mio pulsante di spegnimento.
O almeno quello di “postponi con una certa efficacia”.
Si perché vedete ormai la sveglia, quella vera, non se la punta nemmeno più. Ci sono io, che le faccio risparmiare lo sforzo.
E sono che brava.
Faccio delle piccole prove random durante la notte, se per caso mi immagino che ci sia qualche mosca che vola in giro per la stanza, e quando viene il tempo, spacco il minuto.
Lei dice che non spacco solo quello, il minuto, ma io penso che sia solo invidia perché sono molto brava.
Altrimenti ciao, questa umana se ne starebbe a letto a dormire per ooore intere.
E invece noi sappiamo che siamo solo noi gatti a poterlo fare. Dormire ore intere.
Cosa c’è da arrabbiarsi che le faccio pure la cortesia di svegliarla e mi assicuro che si alzi, si lavi, mi prepari la colazione, prima che io possa tornare a sdraiarmi in pace sul letto finalmente libero, e godermi il mio meritato sonnellino!
La mia umana si chiede anche come si faccia ad impostarmi una suoneria diversa. Infatti lei vorrebbe che la svegliassi con un “miao”, o magari una leccatina, ma io niente. Le faccio quel versetto che è molto più da sveglia. Quel “RRR!” Anche un po scocciato che, palesemente, vuol dire “pigrona, ti alzo o no??!”
E lei si alza, bofonchiando “ma guarda te se mi devo far comandare dal gatto”. Dice che a nessun cristiano ha mai permesso di rovinarle il sonno, e invece a me..
Ma io dico, se funziona, che ti alzi subito, perché dovrei cambiare ??
Insomma l’avete capito: vivo con una lagna.
Che insiste perché vi chieda se sapete dove può trovare il mio pulsante di spegnimento… Ditele qualcosa voi, io non ce la faccio..
E’ la mia ora del pisolo e torno a dormire.
Ciao tutti!!!!

20140705-093649-34609801.jpg

20140705-093650-34610702.jpg

20140705-093651-34611492.jpg

20140705-093652-34612948.jpg

20140705-093652-34612322.jpg

Tunnel per gatti fai da te..con 5€!

La mia umana proprio non ci sta dentro. Certe idee se le sogna di notte.

Stanca di me che mi agito e ormai ho ridotto a brandelli la mia borsa di plastica preferita (a cui abbiamo fatto un grosso buco perchè mi ci potessi infilare come in un tunnel per farle gli agguati – non vista) si è messa in testa di comprarmi uno di quei tunnel per gatti… uno di quelli che vede tanto apprezzare dagli ALTRI gatti.

Tze. come se io fossi una gatta comune.

Che poi, l’umana vuole anche risparmiare, e quindi è andata all’Ikea e con 5€ ha comprato sto coso rosa, lungo, e poi si è messa a lavorarci su.

cat-toy-homemade-tunnel

Non vi dico il casino: prima ha misurato, poi ha tolto tutti i fondi e le separazioni fra un pezzo del tunnel e l’altro, poi ha cucito un filo di ferro morbido lungo tutta la lunghezza (perchè figuriamoci, mica stava dritto quel coso e io non mi ci potevo infilare!).

cat-toy-homemade-tunnel

Poi ha visto che ci mettevo 10 secondi netti a piegarlo anche con il filo di ferro e tutto.. e allora ha inserito due bastoni, di quelli che si usano per le orchidee, avete presente?

Tutta roba che aveva in casa eh, costo zero.. alla fine ci è riuscita, però. Ho avuto il mio tunnel.

E sapete cosa vi dico?

cat-toy-homemade-tunnel

cat-toy-homemade-tunnel

cat-toy-homemade-tunnel

Mica brutta come cuccia…no no. Mi ci ha pure appeso il mio coso con le frange preferito… E a me piace tanto starmene qui bella sdraiata, ad osservare il mondo da fuori attraverso la mia rete fucsia.

sono invisibile, sapete, quando sono li dentro… nessuno mi vede!

cat-toy-homemade-tunnel

Proprio nessuno!

E’ arrivata la primavera

Cari a-mici è arrivata la primavera, ve la sentite nel pelo, vero?

Eh si, noi gatti ce la sentiamo nel pelo, la primavera. In quel pelo che comincia a pesarci addosso, e che quindi cominciamo a seminare per casa come se non fosse nostro.

gatto-primavera

In primavera noi teneri micetti ci togliamo il cappottino di pelo, letteralmente.. e i nostri umani impazziscono.

Chi per le allergie, chi per la mania di pulire la casa (dico io: ma il nostro pelo è pulito con tutte le pulizie quotidiane e gran sleccatine che ci diamo! Come osate anche solo lontanamente pensare che il nostro pelo che rotola qua e là non sia un degno ornamento del vostro tugurio!)

C’è anche chi impazzisce a correre dietro ai più delicati di stomaco di noi che, con la scusa di tutte quelle sleccatine e del pelo morto che ingeriamo, continuiamo a dare di stomaco e rimettere boli di pelo. Preferibilmente sui vostri preziosi tappeti persiani.

pulizia-gatto

Ma cosa ci possiamo fare, non è mica colpa nostra! E’ vostra, se non ci curate abbastanza…

Lo sapete quale è il modo migliore per evitare tutto questo? Dedicarci maggiori attenzioni e cure costanti. In fondo bastano davvero pochi accorgimenti e, credetemi, anche noi micetti saremo molto contenti di non svomitazzarvi in giro per casa.

Quindi ricordate di:

1. Spazzolarci accuratamente almeno una volta ogni due giorni, e un pò meno accuratamente almeno una volta la giorno. E’ importante rimuovere il pelo morto, soprattutto quello invernale che, come lana soffice soffice, si annida sotto al pelo superficiale. Voi non lo vedete ma c’è, e noi che ne mangiamo una gran quantità mentre ci facciamo le pulizie personali.

E poi lo vomitiamo.

spazzola-per-gatti

A tal proposito la mia umana utilizza 3 spazzole: quella tipo Furminator, di ferro, che taglia il pelo e lo rimuove bene da sotto; la spazzolina normale, di setole, come quella che usate voi per i capelli; il guanto, che ci massaggia e coccola e stimola la pelle sotto il pelo.

Furmiator ogni 2 o 3 giorni, spazzolina e guanto tutti i giorni.

spazzolare-gatto

E non so se lo notate ma ho un manto spettacolare, modestamente.

muffin-notte

E poi mi piace tanto spazzolarmi, così come farmi fare i grattini.

2. cibo specifico, soprattutto se siete micetti “di razza” a pelo medio lungo.

cibo-per-gatti

Non serve acquistare le marche ipercostose, davvero, in commercio ne esistono di ottima qualità ma anche di bassa fascia di prezzo. Io e l’umana poi stiamo sempre attente alla qualità e alle aziende che non sperimentano sugli animali, alle green label e magari al bio, se c’è qualche buona offferta.

Abbiamo già cominciato a mescolare il mangime “Hairball” con quello per gatti sterilizzati, e nel caso ricomincino i vomitini alzeremo la percentuale di hairball. L’importante è mantenere equilibrio 😀 (che l’hairball non va bene sempre, per noi mici sterilizzati, eh.. non è bilanciato!)

3. La pasta di malto.

Adesso su, non fate gli schizzinosi, micetti, la pasta di malto vi fa bene! Aiuta a non assimilare il pelo, a non vomitarlo ma.. beh a farlo andare per la sua strada senza intoppi, diciamo.

hairball-remover

A me piace un sacco e anzi, corro tutta felice appena vedo l’umana che tira fuori il mio tubetto, gnam gnam!!! (si, forse non dovrei darle questa soddisfazione).

Oh la, ora che vi ho svelato tutti i segreti non avete più scuse, mi raccomando! Basta poco per renderci felici…. eh!

 

 

 

I 10 segnali che indicano la presenza di un gatto in casa

Un gatto (o una gatta) un po’ pestifero, direbbe la mia umana… ma io e voi la storia la conosciamo in un’altra maniera, non è vero?
Noi sappiamo che qualsiasi casa senza gatto è una casa ben triste.. poco allegra… non adeguatamente sorvegliata o..utilizzata. Si.

gatto-di-casa

Del resto, noi gatti portiamo gioia e siamo molto decorativi, spaparanzati qua e là per casa, no?

sleeping-cat

E dunque, proprio per riconoscere queste case felici, benedette dalla presenza di un gatto, e dove sarà una gioia entrare (ve lo dico io), ecco i 10 segnali che indicano la presenza di un gatto in casa:

1. Beh, il primo inconfondibile segno è chiaramente quello dell’arredamento “a misura di gatto“: gattaiole, reti alle finestre, tiragraffi, ciotole sparse qua e là, la nostra cassettina della privacy… ma anche cuscini amache e attrezzi vari appesi in giro per casa alle più strane altezze.

Potete misurare l’amore che un padrone porta al proprio gatto da queste cose, sapete?

casaa-per-gatti

Cioè, voi non ci vivreste in un posto così? io e la mia umana si…

2. Le scatole. Vedete una strana scatola abbandonata in giro per casa?

Sciocchi. La scatola non è affatto abbandonata. E’ una trappola per gatti e state attenti: in quella casa abita un gatto molto furbo se ancora non riuscite a localizzarlo nelle vicinanze della scatole.

gatto-scatola

anche se io vorrei che l'umana m'avesse trovato questa...

anche se io vorrei che l’umana m’avesse trovato questa…

Guardatevi le spalle.

gatto-mannaro

3. Sabbietta sparsa in giro dappertutto che ti sembra di stare in spiaggia (e, se chiudi gli occhi, quasi quasi puoi sentire il rumore del mare… sopra a quello delle fusa o del dolce ronfare soddisfatto del tuo peloso combinaguai)

4. Giocattoli sparsi ovunque, ma proprio OVUNQUE. Soprattutto in luoghi irraggiungibili tipo il sotto dei mobili, del frigo, o della lavatrice. Ma sono messi lì per una ragione, sciocchi umani: per tenerli AL SICURO, ve l’ho già detto.

Quindi, lì restano.

gattabigia-giochi

5. Pelo. Pelo dappertutto. Spazzole per il pelo disseminate in pochi metri quadri, palle di pelo che rotolano tipo gli arbusti nel deserto nei film western.

Palle di pelo che prendono residenza in casa vostra e fareste meglio ad abituarvici: dategli un nome, coccolatele, tengono compagnia anche loro.

pelo-gatto

6. Porte sempre aperte. Il gatto deve andare dappertutto. Anche in bagno con voi, se necessario.

Ed è SEMPRE necessario.

Kitten

7. Quel vago sentore di ..crocchini, che riempie l’aria. Ah, che casa felice è quella che quando entri senti il profumo del tono appena de-scatolettato! Gnam!

gatto-nella-busta-di-carta

8. Il rumore inconfondibile dell’acqua che gocciola, e i lavandini sempre occupati.

Noi gatti si sa, siamo molto puliti…

gatto_01

9. Curiosa assenza di mollette per stendere i panni, curiosa presenza di panni raggrumati sotto lo stendino, o pericolosamente appesi. Misteriose sparizioni di soprammobili, peluche, del contenuto della borsa degli umani, e di qualsiasi altro gingillo che attiri l’attenzione del peloso.

Se lo chiedete al gatto di casa, non ha la più pallida idea di cosa sia accaduto.

La forza di gravità, forse.

gatto-panni-stesi

10. Curiosa assenza di piante VIVE (o sopravvissute) in casa. Tutte quelle a portata di occhio sono finte.

curioso, davvero.

gatto_vaso

Insomma, laddove non adeguatamente segnalato,

targhetta-cane-gatto

avete solo da aguzzare l’occhio per scoprire (si, proprio come nel gioco della settimana enigmistica) le semplici tracce della presenza di un fortunato gatto di casa.

E la vostra casa, quanti di questi segnali “espone”??? ahahah la mia tutti e anche qualcuno in più… giusto per essere sicuri!

Visite…

Ma non è colpa mia! è l’umana che ha dettato gli standard e io non faccio che adeguarmici…

Prendiamo ad esempio la mia nuova amachina/altalena da osservazione.
L’umana l’ha vista su quello strano sito dove si comperano le cose e ti arrivano magicamente a casa (con un tizio chiamato Corriere, mah.. valli a capire sti umani, ma comunque comoda questa cosa! Un giorno o l’altro mi ordino quei 20 kili di crocchi così non ne parliamo più…)

Ma insomma vi stavo parlando della mia nuova amaca da finestra: l’umana l’ha vista, e sono mesi che avrebbe voluto comprarmi quella da calorifero ma.. come sapete, ci sono dei piccoli problemi nella nostra casina. Cioè, PICCOLI è proprio la parola giusta: nella nostra casina c’è un solo calorifero, grande e alto come la parete e fino al soffitto, a cui non si può appendere nulla, e l’unica finestra che c’è è, appunto, unica… e perciò non si può ingombrare più di tanto.

amaca-finestra-gatti

Le è sembrata un’idea geniale farmi arrivare questa amaca che si attacca sul vetro con quattro ventose giganti (o almeno lei le chiama così.. io non capisco perché: mica fanno vento. Fanno solo un rumore di stappo quando si staccano dal vetro.. boh, gli umani)..

amaca-gatti

amaca-finestra-gatti

E a me piaceva anche l’idea: dalla posizione privilegiata sull’amaca potevo finalmente sovrastare il colmo del tetto che solitamente mi impedisce di vedere fuori, e potevo godermi il panorama cittadino, magar avvistare qualche volo di piccione…

amaca-gatti

Peccato però che le ventose in questione è più le volte che si staccano (costringendomi a evoluzioni da acrobata per restare aggrappata alla mia amaca), e così alla fine, stanca del mio sdegno, l’umana si è ingegnata per farmi felice.
E devo dire che ci è riuscita!

muffin alla finestra

Ora si che ho un’altalena perfetta, un punto di osservazione mica male (e anche un posticino molto comodo per i pisolini, visto che mi ci posso rannicchiare e addormentarmi guardando fuori, invece che dover sempre stare seduta o in piedi sulle due zampe come sul trespolo!)

amaca per gatti

amaca per gatti

amaca per gatti

E’ fissata con due corde all’asta delle tende (che è in ferro e molto resistente.. non che debba risentire del mio dolce peso ma…) ed è stabilizzata da una ventosa, ma solo per ulteriore sicurezza. Quando è sera e l’umana deve chiudere le finestre, può essere facilmente riposta, contro il muro di lato, così non dà fastidio a nessuno e l’umana può aprire la finestra!

Già mi immagino le dolci ronfate quest’estate, la brezzolina che mi sfiora il pelo, io che tento di fuggire sfondando la rete di protezione e l’umana che le viene un infarto… ahahah!

Ma comunque, ho il sospetto che il nuovo aggeggio, l’amaca per gatti, sia fonte di fortissima invidia per tutti i gatti del quartiere. Il che mi rende moooolto orgogliosa, e anche un po’ protettiva.

Ieri ad esempio, il gattaccio del vicino ha osato venire fino alla mia finestra a spiare la MIA amaca, e a fare il gentile ocn la MIA umana!

gatto del vicino

Che invece di cacciarlo via come io a gran voce soffiando e urlando le suggerivo, lo ha anche coccolato e gli ha dato i MIEI crocchini!!!!

Che affronto che affronto… io lo volevo cacciare via, ma lei mi ha detto che dovevamo essere gentili. Che poteva anche essere un gattone randagio che non aveva una bella casa comoda e calda come me (con tanto di amaca!) e che magari aveva fare.

Ma nossignori! Io lo sapevo che era il gatto del vicino. Che già lo odio perché lui può uscire sul tetto a dar la caccia ai piccioni e invece io no, sono imprigionata qui! A dondolare sulla mia amaca e guardare la vita che mi passa davanti, senza poterci fare niente!

visite

Perciò, gli ho soffiato e urlato tutto il mio disprezzo, fino a che quel cattivo (finiti i miei crocchi!) se n’è tornato da dove era venuto.

Ha! Potrai anche avere i miei crocchi, ma non avrai la mia amaca e la mia casina!

Giammai!!

 

Life

amaca-da-gatto

Non so perché, ma io e la mia umana troviamo questa immagine (di me) perfettamente rappresentativa della vita.

Un lento trascorrere di minuti ad osservare il mondo che scorre davanti a noi

fuori dalla finestra

dietro ad un vetro

imprigionati da una rete quasi invisibile

e noi, cullati sul vuoto da una comoda amaca.. un po’ instabile.

 

Gatto Natale è arrivato in anticipo

Evviva evviva questa è la dimostrazione che sono una gattina buona!!!

gatti-di-natale

Nonostante qualche disastro, e l’esasperazione a cui porto la mia umana ogni giorno, sono sulla lista dei buoni gattini di Gatto  Natale!!

Che infatti non si è dimenticato di me e mi ha già portato un bel regalo: un giochino tutto nuovo! Ed è pure fatto a mano dalla mia umana e con quegli strani tessuti colorati che mi piace tanto mangiucchiare 😀

E’ morbida, è colorata, ha un campanellino che trilla ogni volta che ci gioco. E’ leggera e salta in aria a ogni mia zampata…

Adoro la mia nuova pallina per giocare!!

gioco-feltro-gatti-fatto-a-mano gioco-feltro-gatti-fatto-a-mano

E ho contribuito anche io a costruirla, sapete?? Guardate un po’ qui