I gatti in inverno

Vi siete mai chiesti che cosa facciamo noi gatti in inverno?

christmas-cat

O meglio, vi siete mai chiesti perchè in inverno noi gatti tendiamo a… “scomparire” sotto chili e chili e strati di coperte, copertine, plaid, lenzuolini di flanella, etc.?

winter-cat

E’ tutta una mossa calcolata e non ha niente a che vedere con il freddo, proprio no! Del resto noi micetti siamo dotati di pelliccia, quindi a noi il freddo ci fa un baffo proprio.

La verità è che quando scompariamo sotto le coperte, noi mici in realtà stiamo COMBATTENDO LE FORZE DEL MALE, in segreto!

winter-cozy-cat

Ma si, rendetevi conto: sotto a quelle coperte, lenzuola, sotto ai vostri letti cari umani, si nascondono innumerevoli pericoli: mostri pronti a balzar fuori e papparvi in un sol boccone. E non escono solo se sentono la feroce russante spaventosissima presenza di uno di noi mici guardiani!

Spaventosissima, davvero: non laciatevi ingannare dallo sguardo puccioso e mezzo assonnato: noi gatti siamo vigilissimi e pronti a tirar fuori gli artigli come niente!

winter-cat-under-cover winter-cat-under-cover

7431698a6db9ff8c1c603b6c57efa9ce

Spaventosiss… ehm… si vabeh, al massimo li ammazziamo di risate, i mostri, o di tenerezza… ma comunque. Noi siamo lì che facciamo la guardia! State attenti mostri, ritiratevi dinnanzi alla nostra spietatezza pucciosa!

winter-cat-under-cover

che poi dai… qualche volta facciamo la guardia anche a voi umani, eh… e vi teniamo anche belli caldi!6a6b9fc388beb226853638478dadab2cPerciò consigliate ai vostri umani di non disturbarvi MAI quando state intraprendendo la vostra aspra lotta contro le forze del male! Dopotutto..lo fate anche per la loro sicurezza.

…e qui potete visionare un paio di diapositive in merito al mio contributo alla causa:

gattabigia-sotto-coperta gattabigia-sotto-coperta-nanne gattabigia-nanne

Buon inverno a-mici, e mi raccomando, fate anche qualche pausa fra una sessione e l’altra di lotta contro il  male….

Annunci

Baby it’s cold outside… mettete i maglioncini ai vostri pelosini!

Questa galleria contiene 11 immagini.

(e  non solo!) Ebbene si, in questi i giorni il freddo sta bussando alle nostre porte. Per il momento noi “pelliccio-muniti” non ci preoccupiamo più di tanto: a noi certe temperature ci fanno un baffo (ma non ce lo scompigliano, a meno che non cii sia quel brutto vento cattivo che… miawww! come lo odio!). … Continua a leggere

L’umana vorrebbe sapere…

La mia umana vorrebbe sapere dove si trova il mio pulsante di spegnimento.
O almeno quello di “postponi con una certa efficacia”.
Si perché vedete ormai la sveglia, quella vera, non se la punta nemmeno più. Ci sono io, che le faccio risparmiare lo sforzo.
E sono che brava.
Faccio delle piccole prove random durante la notte, se per caso mi immagino che ci sia qualche mosca che vola in giro per la stanza, e quando viene il tempo, spacco il minuto.
Lei dice che non spacco solo quello, il minuto, ma io penso che sia solo invidia perché sono molto brava.
Altrimenti ciao, questa umana se ne starebbe a letto a dormire per ooore intere.
E invece noi sappiamo che siamo solo noi gatti a poterlo fare. Dormire ore intere.
Cosa c’è da arrabbiarsi che le faccio pure la cortesia di svegliarla e mi assicuro che si alzi, si lavi, mi prepari la colazione, prima che io possa tornare a sdraiarmi in pace sul letto finalmente libero, e godermi il mio meritato sonnellino!
La mia umana si chiede anche come si faccia ad impostarmi una suoneria diversa. Infatti lei vorrebbe che la svegliassi con un “miao”, o magari una leccatina, ma io niente. Le faccio quel versetto che è molto più da sveglia. Quel “RRR!” Anche un po scocciato che, palesemente, vuol dire “pigrona, ti alzo o no??!”
E lei si alza, bofonchiando “ma guarda te se mi devo far comandare dal gatto”. Dice che a nessun cristiano ha mai permesso di rovinarle il sonno, e invece a me..
Ma io dico, se funziona, che ti alzi subito, perché dovrei cambiare ??
Insomma l’avete capito: vivo con una lagna.
Che insiste perché vi chieda se sapete dove può trovare il mio pulsante di spegnimento… Ditele qualcosa voi, io non ce la faccio..
E’ la mia ora del pisolo e torno a dormire.
Ciao tutti!!!!

20140705-093649-34609801.jpg

20140705-093650-34610702.jpg

20140705-093651-34611492.jpg

20140705-093652-34612948.jpg

20140705-093652-34612322.jpg

Come fare le coccole al vostro gatto

Noi gatti siamo abitudinari.

Oserei quasi dire che ci passiamo le abitudini di generazione in generazione, pur di non perderle, avete notato?

E tuttavia,chiunque abbia avuto in casa più di un gatto sa anche l’altra grande verità: ognuno di noi è preziosamente diverso dall’altro, irreplicabile, inimitabile.

Pallino ha sempre amato stare in braccio e farsi fare le coccole, Birba ti graffiava se anche solo osavi pensare nella sua direzione. Ronfo dormiva 22 ore al giorno e le altre 2 le impiegava per mangiare, e trascinarsi dal divano alla cuccia e indietro, Attila dormiva durante il giorno – ma sempre con un occhio aperto – ma la notte no (come dice la canzone), e cossì via.

Ognuno di noi un universo meravigliosamente a sé.

E la questione coccole non fa differenza.

Io ad esempio le sopporto mio malgrado, quando l’umana decide di farmele (ma devo dire che conoscendomi lei si trattiene) e mi piacciono “a modo mio”, ovvero quando lo dico io e per il tempo che dico io, dopodiché sguscio via stizzita, a volte piantando anche un bel morso o graffione. Si, a volte le do anche i bacetti… e la vera rarità è quando mi faccio cogliere alla sprovvista e senza nemmeno accorgermene mi rivolto pancia  all’aria facendo persino le paste con le zampe.

Dura una frazione di secondo, però, poi riprendo subito il mio contegno. All’umana dispiace, ma io sono fatta così.

non-ama-coccole

E tuttavia, sapete che le coccole che ci potete fare sono varie, tanto che mi sento oggi di darvi il mio personale dizionario delle coccole feline (umani avvisati..gatti affezionati).

bambino-coccola-gatto

Ecco dunque i 10 modi per fare le coccole al vostro gatto (e se gliele fate bene, potrebbe anche decidere di non mordervi!):

1.Il gratta-mento: la prima e fondamentale mossa quando non si conosce bene un gatto o ci si deve conquistare la sua fiducia.. come con i cani, gli si fanno annusare le vostre mani. Se passate il controllo, probabilmente vi lasceremo grattare brevemente la zona sotto il muso, ma senza sperticarci in lodi per il vostro operato, dimostrare di gradirlo o lasciarvelo fare a lungo..le prime volte.

In un secondo momento può darsi che solleviamo il muso succhiudendo beatamente gli occhi e vi lasciamo procedere al

2. Gratta –gorgiera: si, lo so che sembra che abbia poca fantasia perché tutte queste mosse iniziano con “gratta”, ma noi gatti passiamo la maggior parte del nostro tempo a strusciarci da soli dappertutto (su di voi, sui mobili, sulle pareti, sui nostri giochi..) che poi è normale che vogliamo da voi un po’  più di azione (tanto più che siete dotati di dita ma le vostre unghie non sono intelligenti e affilate come le nostre).

gratta-gorgiera-gatto

Il gratta-gorgiera si pratica andando a massaggiare con i polpastrelli la zona del “petto” del vostro micio. Se è un coccolone di natura gli piacerà. E’ una zona relativamente neutra per il gatto (non implica questioni di fiducia come pancia, gola, zampe) né scatena subito reazioni dovute all’elettricità statica che tanto ci stizziscono (lo sapete, no, che è il motivo per cui tolleriamo le coccole per poco tempo.. perché l’attrito con il pelo, la pelle, le vostre unghie, alla fine ci fa “frizzo lare” e ci innervosisce!)

coccolare-gatto

3. La strusciatina laterale: è un correlato del gratta-musino… ad alcuni di noi piace particolarmente che ci lisciate i lati del muso, vibrisse comprese, ma nel senso giusto! Se siete particolarmente bravi, vi faremo persino continuare ad accarezzarci sui fianchi e via via verso la coda.

coccole-gatto

why-does-a-cat-purr

4. Il frontino: dicasi a sia del colpetto di fronte alla mano che prelude al rollercoaster (unica coccola che permettiamo anche agli estranei) sia del grattino, lievissimo, quasi un sussurro, che si usa fare all’attaccatura del nostro nasino e sulla fronte. Per piacerci deve essere una carezza lievissima, un soffio, e non è che ce lo facciamo fare da tutti, sia chiaro…

grattino-fronte-gatto

Si dice infatti che se un gatto socchiude gli occhi e si fa toccare il naso, si fida completamente di voi.

Per forza è così, perché il naso è il punto più sensibile e delicato di noi mici, sapete?

5.Il rollercoaster: è l’altra modalità “di base” di interagire con il vostro gatto. Basterà che gli tendiate una mano con il palmo rivolto all’ingiù che sarà lui stesso a protendersi con la testa e inarcando la schiena in modo da mostrare (a voi inetti umani) il modo in cui accarezzarlo. Dalla testa alla coda in un’onda rocambolesca e poi dinuovo su e ripartire, ad libitum.

Fino a che micio non si scoccia o decide di passare ad altro.

accarezzare-il-vostro-gatto

6.Il grattino alla coda: il rollercoaster può terminare in due modi, o chiudendo a pugno la mano e accarezzando tutta la coda (senza tirare, bambini dispettosi!) oppure con un sano grattino alla base superiore della coda che ci fa letteralmente impazzire.

Noi gatti lo  amiamo, e solitamente questo grattino ci introduce nella zona “coccole pesanti”, facendoci gettare su un fianco con una dichiarazione di “fammi tutto quello che vuoi, umano!” oppure sollevare poco dignitosamente il didietro, oppure ancora accucciare per offrirvi il lato migliore di noi (ovviamente sempre il B) e farvi continuare.

7. Il grattino alle orecchie: lo so che ce lo avete presente. È quello che ci fa assumere quella stupida espressione da “sono in paradiso” con gli occhi socchiusi e le fusa a tutto volume.. ma non ci piace eh, proprio no… (oddio dai un pochino si, dai.. ma solo un pochino!)

grattino-alle-orecchie

8. Il massaggio alle zampine: ve lo lasciamo fare solo se ci fidiamo particolarmente di voi. Il massaggio alle zampine non piace a tutti noi gatti, ed è una cosa parecchio personale.

Ci resta da capire perché invece voi umani andate in visibilio per i nostri gommini.. sarà che non ne avete di vostri?

Voglio dire, è molto più interessante il nostro lato B, e tuttavia ogni volta che ve lo sbattiamo in faccia per farvi un complimento voi sembra che siate disgustati.. mah. Non riusciremo mai a capirvi.

gommini-gatto

9. Il gratta-pancia: anche questa mossa è questione di fiducia, molta fiducia. La pancia di noi gatti (oltre a essere sempre piena) è territorio sensibile, vulnerabile, frizzolosissssssimo. Da accarezzare con parsimonia, insomma, e solo fino a quando ce la sentiamo noi.

cucciolo-di-gatto

Io per esempio non ho mai lasciato che la mia umana mi spazzolasse la pancia, proprio non lo sopporto. Qualche volta, se mi prende mezza addormentata, la lascio fare qualche grattino,

ebbene si, questa sono io.

ebbene si, questa sono io.

 

ma poi stop, basta, off-limits!

morso_gatto

Ci sono gatti senza dignità invece che si girano e rigirano a pancia in su come se non avessero il senso della privacy.

Valli a capire.

Come-fare-massaggio-rilassante-al-gatto

10. Il gratta-ascella: eh il gratta-ascella. Non sono una fan nemmeno di questo (mentre invece la micia che mi ha preceduta mi si racconta che fosse campionessa mondiale di grattini alle ascelle: si metteva a zampe all’aria e via che si stirava lunga lunga con la zampa quando gli umani le facevano i grattini sotto l’ascella…dicono che fosse uno spettacolo da vedere.. mah.)

coccolegatti

E voi che apporto avete con le coccole e i vostri umani? Vi lasciate spupazzare o ogni volta finisce in un bagno..di unghie e sangue??

ps. comunque, se volete che il vostro gatto vi ami incondizionatamente, va bene le coccole, va bene giocarci assieme, ma… la pappa pronta e abbondante è fondamentale!!!

Gatti… quando il freddo si fa sentire…

le temperature sono in picchiata e, per quanto pelo possiamo avere addosso noi gattacci di casa (e per quanto possiamo pretendere dai nostri umani che tengano la finestra aperta la mattina per permetterci di dare una sniffatina di controllo appena svegli, giusto in caso che sia successo qualcosa nottetempo) arriva il momento in cui anche noi dobbiamo cercare …rifugio in casa.

Specialmente se vivete come me con una umana che fa economia sul riscaldamento (o almeno così sembra: quando la guardo con fare accusatorio lei nega indicandomi il termostato… ma devo aver preso da lei: ho le zampe sempre fredde!)

E allora cosa dobbiamo inventarci noi poveri gatti freddolosi?

Ma il sit in. o Cat in.

gatta-sit-in

gatta-cestino-panni-puliti

che importa se si tratta del cestino della roba da stirare? Una bella pila di lavanderia appena asciugata, specie se culminante con un morbido maglioncino di lana, è l”ideale per scacciare il freddo dalle nostre zampette

gatta-scatola

gatta-scatola

gatta-scatola

gatta-scatola

gatta-scatola

giù il periscopio, il nemico è in ascolto!

In alternativa, c’è sempre l’amata scatola che contiene le scatole… il nostro parco giochi preferito, il teatro di innumerevoli atti di devastazione… la carta straccia in fondo è un ottimo isolante…

E fa sentire in colpa l’umana che pensa: ma guarda te se deve dormire nelle scatole di cartone come i senzatetto, col fiorfiore di copertine di pile che le stendo sul letto….

eheheh farli sentire in colpa è la chiave per la dispensa!

gatta-innamorata-scatola

(ma se non sto attenta, rischio di ritrovarmi con 4 belle babbucce fatte a mano e il maglioncino addosso…. quella megera è capace di farlo!!! ARghhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh

gatto-al-caldo

Questa casa non è divertente

Questa casa non è divertente, uffa.

Non si può fare niente in questa casa che subito la befana si irrita e mi sgrida, è un carcere, non una casa!

gattabigia-coccole

Non posso correre su e giù ribaltando sedie, e rovesciando bicchieri e tutti quegli ostacoli che l’umana lascia sul mio cammino. Non posso fare casino sul letto, scavandomi la mia tana fra le lenzuola o, dio non voglia, fra i morbidi strati di quei caldissimi e confortevoli plaid che l’umana insiste a spargere con una precisa geometria, mentre a me piacciono tutti rincagnati e confusi.

Mi piace il caos, mi piace perdermici. Mi piace mordere le lenzuola e i tessuti per sentire i piccoli rumori di strappo mentre muoiono sotto i miei denti.

Mi piacciono i buchini che gli faccio, trovo che siano artistici.

Non posso intrufolarmi negli stipetti, e tirare fuori tutti i coperchi delle sue scatole delle scarpe, e farmici le unghie. Non mi piacciono i pezzi di cartone che mi lascia in bella vista… io voglio QUELLI!

https://www.facebook.com/photo.php?v=645842885467346&set=vb.446421402076163&type=2&theater

E non posso tuffarmi nel cestino della carta straccia, e tirare  fuori tutte quelle divertentissime palline di carta e spargerle in giro per casa e corrergli dietro e fargli gli agguati e farli finire sotto il frigo e poi scavare per recuperarle….

Non posso saltarle in braccio e mordicchiarle le mani o rincorrermi la coda, perché dice che le pianto le unghie nella pelle e le faccio male… si mettesse la pelliccia come me, vedrebbe che non succede nulla!

gattabigia-coccolosa

E non posso nemmeno arrampicarmi su quel coso, quello che ha appeso e contiene tutte le cose che hanno il suo odore: i calzini (puliti) le sciarpe… ah, adoro rubarle le sciarpe e ucciderle con le mie zampe, ma lentamente, tirando un filo alla volta…. Invece quella befana corre urlando e mi scaccia via, e poi mi guarda offesa come se le avessi fatto un torto.

Non capisce che lo faccio per lei?

Se le mette al collo quelle cose: e se un giorno decidessero di rivoltarlesi contro e strozzarla?? Devo assicurarmi che siano morte!

Altrimenti chi mi riempirà la ciotola, ogni mattina, con tanto amore?

Le 10 cose divertenti che il vostro gatto fa

..e che a voi umani, lo sappiamo, fanno ridere a crepapelle.

O almeno, fanno ridere quella sciocca della mia umana. Che a volte si sbellica proprio, ma con le lacrime!

foto 4_1muffin

Inutile dire, che quelle volte mi prudono proprio le zampette dalla voglia di graffiarla… perché ho la mia dignità, io, e non tollero che si rida di me! Neanche quando cado dal letto, o dalla sedia, o dal graffiatoio… insomma. non si deve ridere di me, punto!

E infatti si, eccoci con il primo punto della lista delle 10 cose che noi gatti facciamo e che vi fanno ridere così tanto:

1. cadere dai posti più assurdi. con dei gran tonfi e degli elegantissimi meow! E già di nuovo ben diritti sulle nostre zampine, pronti a riprendere qualsiasi interessantissima attività ci stesse tanto distraendo da farci cadere.

gatti-che-si-arrampicano

si perché il più delle volte cadiamo per distrazione, perché..

2. ci rincorriamo la coda come se non ci fosse un domani. E come se non ci ricordassimo che è la nostra coda… che è parte di noi, che ci segue dappertutto, e che non dovremmo mordicchiarla con tanta passione, perché non si staccherà mai e…

Ok, sono andata in fissa. ma è che quando mi ricordo di avere la coda, come tutti i gatti, poi non capisco più niente.

gatta-si-prende-la-coda

gatto-che-gioca

3.   L’imitazione di Michael Jackson in Thriller. Voglio dire: io manco lo so chi è questo tizio, ma ogni volta che tento di spaventare la mia umana e incuterle il dovuto timore…niente, quella scema scoppia a ridere come se le stessi facendo vedere le prove dello spettacolo di Miaotale.

Certo, non aiuta il fatto che per spaventarla io cammini lateralmente senza guardare dove vado e finisca sempre per andare a sbattere contro qualche mobile che si è spostato per farmi dispetto… ma non è comunque il caso di ridere. son cose serie eh.

gatto-rizza-pelo

Boh, sti umani chi li capisce è bravo.

4. Usciamo di scatto dalla cassettina dei bisogni, spaventati da non si sa cosa (in realtà, dalle nostre stesse puzze… ma non son cose che possiamo confessare così apertamente agli umani).

5.  Tentiamo di bere in posizioni impossibili, finendo sempre per ingozzarci e sputazzare acqua e starnuti da ogni parte. questa cosa è tragica ma alla mia umana la fa sempre sghignazzare, tanto che se mi sta per caso tenendo il bicchiere dal quale io cerco di bere addio, non c’è più niente da fare.

gatto-che-beve

6. Dormiamo in posizioni impossibili, il più delle volte con l’abbandono di un neonato, e per questo l’atteggiamento degli umani oscilla fra il bambinesco (oooooohhh che carino! detto coltimore reverenziale di svegliarci) e il suicida (ooooohhhh che carino! detto un istante prima di allungare la mano verso di noi, o tuffare il viso verso la nostra irresistibile panzetta pelosa, e attirarsi le feline ire funeste).

Seriamente gente: ma non ce l’avete una panzetta pelosa anche voi?? Che diamine…

cat-sleeping-cute

gatta-dorme-pancia-su

7. Proviamo un’irresistibile attrazione per alcune mortali trappole come: il piatto della doccia (scivoloso) i sacchetti di carta e plastica (che ti avvolgono nel loro abbraccio mortale e non ti lasciano andare più), le scatole di cartone (insanamente tentatrici, soprattutto quelle di piccole dimensioni dove ci piace rintanarci nella vana illusione di non essere visti dall’umano di casa… il tutto si traduce in stupidissime foto da parte dell’umano di soufflè di gatto con la base in cartone e tutto il pelo che straborda…. o peggio)

cat-with-box

scatolagatto

8. Quando giochiamo, fingiamo panico quando l’umano si nasconde gli occhi e, come per magia, sparisce davanti ai nostri occhi. Allora cominciamo a cercarlo freneticamente, e non ci rassereniamo finchè non gli poggiamo sopra la zampa e lui si scopre gli occhi, tornando alla realtà.

Andiamo siamo seri: davvero pensate che non sappiamo giocare a cucubau? E’ tutta una tattica per darvi soddisfazione, povere bestie senza pelo che non siete altro… altrimenti che vita grama avreste, senza noi gatti!

9. fuggiamo terrorizzati dall’aspirapolvere. Fughe a rotta di collo degne di un Cartoon della Loney Tunes seguono l’attimo di panico in cui fa la sua comparsa il terribile aggeggio. Scappiamo terrorizzati anche quando voi lo brandite e fate finta di imitare il suo rumore con la bocca… perchè dio non voglia che l’accendiate anche.

maledetti umani non c’è niente da ridere.

E si… anche fra noi gatti ci sono gli outsiders e i semplicemente pazzi… per l’aspirapolvere.

http://video.donnamoderna.com/ridere-in-famiglia/Micio-e-aspirapolvere-che-coppia?list=3911175

E si… ancora si: la mia umana sta le ORE a sghignazzare davanti a questi video…

10. vi facciamo gli occhietti dolci e ci inventiamo mille stratagemmi per condividere il vostro cibo (dopo aver spazzolato il nostro). E voi, allocchi, che ci cascate sempre! Siamo troppo carini e coccolosi e voi non sapete resisterci!

cat-cuteness

Ridete pure, umani, una risata vi seppellirà…

…ma non prima che vi abbiamo strappato l’ultimo boccone di cibo, sia chiaro!

Come costruire un gioco per gatti a costo zero

Vi siete mai chiesti, umani, come fare felici il vostro gatto?

Di tante  cose che posso dire della mia umana, una è che sta sempre molto attenta a quello che mi piace, sulle pappe e sui giochini, e a tenermi sempre allegra e in movimento, e non farmi annoiare mai.

gatta-che-sorride.jpg

A volte è anche una spendacciona, che di certo non lesina sulla qualità delle pappe (intransigente su questo punto!) né sul regalarmi qualche giochino che vede nei negozi dove va a comprarmi le pappe.

I miei giochini preferiti, però, sono sempre quelli che mi costruisce lei!

Questo all’inizio della nostra convivenza la faceva restare un po’ male, detto fra noi: arrivava a casa con qualche costoso peluche imbottito di erba gatta, che io a malapena guardavo, per poi mettermi a giocare con gli scontrini del suo acquisto appallottolati e gettati via. Gli umani a volte non capiscono, che a noi a-mici piacciono le cose semplici.

Pezzi di carta e carta stagnola accartocciati (purchè facciano rumore!), scatole di cartone incustodite, palline colorate (purchè leggere e salterine, che non puzzino troppo di gomma, e che si possano portare in bocca in giro per la casa! La mia passione…), le mollette del bucato (se togliete la molla e ci date i due pezzi separati è meglio.. siamo bravissimi a incastrarli sotto ai mobili!), nastri di raso (purchè molto larghi, in modo che non possiamo mangiarli! Fate attenzione a nastri e fili… e se non sapete perché leggete qua! NE va della nostra vita!!), e in generale qualsiasi cosa che possa essere rincorsa con gran fracasso in giro per la casa ci fa impazzire di gioia e ci tiene occupati per minuti e ore intere.

Per questo motivo alla fine la mia umana si è rassegnata, ed a cominciato invece ad ingegnarsi per trovare fra le cose di uso quotidiano, e le cose che scarta o butta via, pezzi e componenti che possano andare a comporre dei nuovi giochi per me. Ne ho una scatola piena!

gioco-intelligenza-per-gatti-faiddate

Anzi più di una…

Somma felicità, ad esempio, quando mi lancia il tappo di una bottiglia appena finita (del resto è una passione anche del cane di casa, prendere le bottiglie e morderle fino a che non riesce a svitare il tappo.. sarà la genetica), o una molletta che si è rotta, o quando mi lascia la scatoletta vuota dei miei dolcetti per giocarci (profuma ancora di buono e io ci passo le ore a cullarla fra le zampe!).

Ho smembrato pacchetti di fazzoletti di carta come non fosse nulla (ma fate attenzione, se avete gatti che invece la carta la mangiano, o la plastica.. non ci fa tanto bene), ho ereditato un pupazzetto di una gattina strana con un vestitino a fiori, in plastica dura che rimbalza una meraviglia. Ho la passione per i rotolini di plastica che ci sono all’interno dei rotoli di sacchetti per la nostra pupù, avete presente? Di quelli quando andremo via da questa casa, ne troveranno mucchi sotto ai mobili!

Mi piacciono anche la nuova fontanella dell’acqua (soprattutto giocarci di notte e svegliare l’umana :P) e le sue lanterne giapponesi colorate… di questo lei non è molto contenta).

E poi c’è il giochino che mi ha costruito con uno di quei profumatori in gel che vanno nel frigo (gli ovetti, ma quando il gel si è tutto seccato e può essere tolto!) e un nastro rosso con il campanellino (sospetto che provenga da quel coniglio di cioccolato che non si è più visto in giro per casa dopo pasqua…). Mi ci diverto un sacco perché il campanello si muove dentro!

giochino-per-gatti-faiddate

E infine, il sommo gioco, che mi ha costruito oggi, ispirandosi a certi giochi che le vedo sempre guardare sul sito dove mi compra le pappe. Sapete quelli con i buchi e le palline colorate che ci girano dentro? Quelli.

Un giorno non so cosa le è preso, forse ha fatto il collegamento: scatola coi buchi – gioco intelligente.. non lo so. Fattostà che ha preso la scatola-base che tiene il pacco da 6 di quelle cose che beve lei con la cannuccia (che è di cartone, che io adoro!) e ci ha buttato dentro un paio di tappi e una pallina. Scuotendoli, ha attirato subito il mio interesse e …il resto è storia.

gioco-per-gatti-fatto-in-casa

Convincete anche i vostri umani a costruirvi un gioco così, vedrete che lotte pazze per far saltare fuori i tappi!

ps. se volete vedermi in azione… cliccate il video sulla mia paginetta Facebook!

https://www.facebook.com/photo.php?v=611930152191953&set=vb.446421402076163&type=2&theater

Un rientro un pò movimentato

Ho trascorso, cari a-mici, come ben sapete le vacanze pacificamente sdraiata nella residenza di “campagna” dei miei umani.

Un mese di sollazzi e relax all’ombra di grandi alberi (che però potevo vedere solo dalla mia finestra, uffi, perché l’umana è talmente terrorizzata che scappi – o che qualche vicino becero mi faccia fuori come ha fatto con i miei felini predecessori – ), e al fresco di una tavernetta niente male che avevo a mia completa disposizione.

gattabigia-relax

Servita e riverita e coccolata da 3 umani e un cane, con cui ho subito chiarito chi è che comanda.

E tuttavia, come è nell’ordine delle cose, alla fine ho dovuto impacchettare i miei croccantini e la spazzola per il pelo, e tornare alla nostra casina cittadina, a riprendere la vita di sempre. Non che me ne lamenti, eh.. qui ho la mia umana sempre con me, le posso saltare in braccio a ogni ora per le coccole o posso chiamarla subito se sono finite le pappe, ho la mia cuccetta dove spaparanzarmi per i pisoli, oppure il suo lettone per giocare e dormire… l’acqua sempre fresca nella mia fontanella…

L’unica cosa è che sono spariti i piccioni (ci credereste? abbiamo l’unico sottotetto in tutta Milano senza piccioni… deve essersi sparsa la voce che ci sono in giro io!).

L’unica altra cosa, è che proprio il giorno che sono tornata qui mi sono “ammalata” e l’umana è stata costretta a portarmi d’urgenza dal veterinario.

gattabigia-gatta-apatica

Ho così trascorso 3 giorni mogia mogia nella mia cuccetta, mangiando poco (perché proprio non mi andava), dormendo molto, e senza mai giocare, o miagolare. Facevo fatica ad andare in cassettina, sapete, e quando ci andavo piagnucolavo perché mi faceva male…

L’umana si è spaventata da matti e mi ha subito portata da un nuovo veterinario, che ha dovuto cercare in fretta ma che si è rivelato un ottima scelta: è piaciuto tanto anche a me, così paziente e gentile, che non l’ho nemmeno morso quando mi ha visitata in questi 3 giorni, e per le punturine che mi ha fatto! (l’umana dice che sono stata bravissima… figuriamoci. io sono SEMPRE bravissima!!).

Insomma l’ho fatta sudare freddo, prima di ricominciare piano piano sia a mangiare e bere , che a fare i miei bisogni senza piangere, che – finalmente – a riprendere a giocare. Dapprima “con comodo”, dalla mia cuccetta, senza scompigliarmi troppo il pelo (si faceva fatica, eh, senza crocchine in corpo)

gattabigia-gioca

e poi con i miei soliti agguati alle caviglie, o alle ginocchia, e le strusciate sui mobili e i guai notturni, per cui però, per queste volte, l’umana non si arrabbia.

gatti-che-si-strusciano

Sono talmente una gattina bravina, che anche se me ne accorgo che quella mi mischia una strana polvere alle pappe, io le mangio (quasi) tutte senza lamentarmi, pian piano che mi torna l’appetito!

Lei dice che sono medicine che mi fanno bene, o-Meow-patiche per aiutarmi a non farmi venire più la bibi, ma io che devo fare, sono solo una micina..e se lei mi dice che devo mangiare, io mangio!

gattabigia-pensive-cat

E poi dormo, dormo, dormo… e rifletto sui gravi problemi della vita (tipo le ciotole vuote, che dicono esistano.. ma io non le ho mai viste!).

=^.^=

Umana, stai battendo la fiacca

gattabigia-ti-tengo-docchio

Anche l’umana sembra risentire di questo caldo afoso che non ci vuole mollare.
mentre io pascolo bellamente per l’appartamento, lasciandomi andare in ogni angolo a qualche leggera dormita (i miei preferiti: la scala di ferro, le piastrelle della doccia), anche l’umana batte la fiacca.

e invece di cambiarmi l’asciugamano umido che mi fa da copertina (a volte, quando me la mette addosso a tradimento) se ne sta lì a farmi le sue sciocche foto.

tenere-fresco-gatto
e io schiatto di caldo.

ma si può??